EVENTO del 17 febbraio 2024 

                                                                       EVENTO PASSATO

                                                                                 MOSTRA

                            IL VUOTO

                                               DAL 17 dicembre 2023 al 07 gennaio 2024 

                                   Galleria Civica "EZIO MARIANI" - Via Cavour 26 - Seregno

                                              Inaugurazione il 17 dicembre alle ore 17:00

                                       in sala Mons. GANDINI via XXIV maggio 10 - Seregno

                                  (attigua alla Galleria Civica "EZIO MARIANI)"                

                        GALLERIA 

                                                                    GLI ARTISTI

Luigi Belicchi, Mariateresa Borghi (MARBO), Miri Brigo, Onelio Bruni, Vittorio Brunello, Giovanna Camera, Beatrice Cazzaniga, Pierluigi Cocchi, Averil Cooper, Marcello Dell'Oro, Maurizio Esni, Annamaria Fino, Paolo Grossetto, Gabriella Longoni, Augusto Mandelli, Gennaro mele, Camilla Molteni, Gino Montecampi, Carlo Orsi, Giuseppe Paleari, Paolo Panico, Tiziano Pulze, Lino Solaroli, Sandra Trabattoni, Grazia Vismara.

                                                                        LE POETESSE

                                          Myrna Bongini, Monica Orsi, Maria Altomare  Sardella

  

                           N:B  La pagina critica di VITTORIO FIORI si trova in fondo 

                                                        

                          LE OPERE

                                                                                                                 POESIE 

Myriam Bongini


La fotografia

S'inabissa all'indietro

torna a una posa

dove ridevo di non so cosa,

ridere é sempre una festa

la manina attaccata alla sua

in completo affidamento.

Ora non più racchiusa

è un vuoto da colorare

la mano vaga e raccoglie lacrime

che non cambiano la sorte

soppesa il mondo…

bello scrollarlo in sventato

girotondo.

MONICA ORSI


Assenza 

Ti cerco, ma lo specchio è vuoto, solo…

Tu sei altrove,

appena un'accennata sfumatura,

contorno che si snoda nel ricordo,

in un dettaglio

ed oltre la cornice degli eventi.

Ti trovo, sulla tela del pensiero.

Eppure… non ci sei.

E sale la tristezza, che si tinge

d'un tono caldo ed avvolgente, quando

nel tuo profumo sciolgo le mie lacrime.

Non è più tempo:

i giorni hanno sbiadito il nostro sguardo.

Rimane un'impressione che si staglia:

è tutto ciò che è stato.

MARIA ALTOMARE SARDELLA

STAZIONE CENTRALE

DRAMMA IN DUE ATTI

SINOSSI

Intorno a una bancarella di vestiario davanti alla stazione centrale di una grande città, cinque persone vivono il loro inferno quotidiano. Lijing, una sex worker; Vito, un barbone ex prete; Bruno un giovane spacciatore; Lindo, il boss, ed Endrit, suo assistente, sfruttatori spietati. Bruno, fratello del boss, vende droga, ma sogna una vita normale. L'amore imprevisto di Bruno per Oltjana, adescata con la promessa di un lavoro stagionale e destinata alle notti brave di uomini perbene, rompe l'equilibrio e innesca la tragedia. La storia raccontata dimostra che la schiavitù della prostituzione è sotto i nostri occhi, ma ci torna comodo non vederla e che l'amore è un sentimento primigenio che sboccia nonostante tutto a dimostrazione che l'uomo è un essere fatto di infiniti chiaroscuri.

DALL'ATTO I, "Vito e Lijing raccontano la loro storia"

Vito - …Venti anni fa commisi uno sbaglio, terribile… Fu una sola volta, ma diedi retta alla parte di me che avevo per sempre rinnegata… Mi scoprirono. Scappai per la vergogna, non potevo sopportare lo sguardo di quelli che mi avevano mostrato le loro debolezze peggiori, perché avevo promesso a Dio di rappresentarLo su questa terra e di esserne degno. Solo la morte avrebbe potuto riabilitarmi ai loro occhi, ma Dio mi aiutò a non dannare per sempre la mia anima… Mi aiutò a trovare un rifugio nel più vasto dei deserti… dove nessuno si accorge che sei vivo. In una grande città puoi diventare invisibile, puoi soffrire la solitudine più atroce mentre ad ogni momento incroci decine di esseri come te. Dio aveva trovato per me la punizione che meritavo… Certe volte, l'asfalto si congela, allora mi esplode la testa. Certe volte, non riesco a pensare tanto ho fame, allora vado a cercare nei liquami, nella spazzatura, non ragiono più. Voglio solo che quella tortura finisca. In quei momenti puoi rubare o assassinare oppure torni e chiedi perdono… Ma io non l'ho fatto, perché ho capito che Lui mi ha affidato un compito. Lui mi vuole qui a dividere la solitudine degli ultimi sulla Terra, per confortarli e mostrare loro la via del bene in nome Suo… Per questo, devo essere uno di loro, per poterli raggiungere… Non so se Lui mi ha perdonato, ma il mio posto è qui fino al giorno in cui vorrà liberarmi. Non posso disubbidirGli ancora… Neppure mia madre ha saputo più nulla di me. Questo è il mio dolore più grande… Ma sia fatta la Sua volontà…

Lijing - …Anch'io non posso più tornare… Non posso tornare da loro… Vedo, qualche volta, il treno che porta me, vedo me che… arrivo al mio villaggio, a casa… A casa! ... Ma non vedo i loro visi… Odio questa strada, odio quelli che mi fanno male, sogno che uccido tutti, loro. Guardo le persone felici che passano. Loro ridono. Vedo, è bello vivere… Vivere come loro. Voglio andare di qui con tutte le mie forze. Ma resto, non so andare. Non so dove…

                                                                 TESTO CRITICO DI:

                   VITTORIO FIORI